nuovaatlantide.com  
HOME  °  CONTATTI Sito Italiano CEAS  °  TURISMO  °  SCUOLE  °  PARCO AVVENTURA  °  SERVIZI  °  INFORMAZIONI English Site
       
 
MENU' DEL SITO
Invia Pagina INVIA PAGINA  
 
CEAS
CEAS Dolomiti Lucane
L’area protetta
Rete Natura 2000
InFEA
Video
TURISMO
Volo dell’Aquila
Itinerari
Offerte
Centri Visita
Ecomuseo
Percorso botanico
Dove mangiare
SCUOLE
Laboratori didattici
Visite guidate
Orienteering
Sport Outdoor
Progetti PON
Stages formativi
Campi scuola
Pacchetti didattici
PARCO AVVENTURA
Percorsi avventura
Tiro con l’arco
Escursioni in mountain bike
Birdwatching
SERVIZI
Guida e accompagnamento
Progettazione ambientale
Centro Informazioni e Area Camper
INFORMAZIONI
Chi siamo
News
Eventi
Rassegna Stampa
Link utili
 
Iscriviti alla newsletter ISCRIZIONE NEWSLETTER
Cerca nel sito CERCA NEL SITO
 
 
Compila i campi del modulo e clicca sul tasto SPEDISCI.
La pagina verrà inviata via email, con l'eventuale messaggio, sia all'indirizzo del destinatario sia alla tua email.
 
OggettoL’area protetta
La Tua Email * Email destinatario *
Messaggio (facoltativo)
 
LA PAGINA CHE STAI INVIANDO
 
L’area protetta 21/05/2019


ll Parco Naturale Regionale di Gallipoli Cognato e delle Piccole Dolomiti Lucane ha un’estensione di 27.027 ettari compresi entro i confini dei Comuni di Accettura, Calciano ed Oliveto Lucano in provincia di Matera, e Castelmezzano e Pietrapertosa in provincia di Potenza.

I confini del Parco inglobano un’ampia area posta al centro del territorio regionale che presenta importanti valori naturalistici, storici ed etno-antropologici: la Foresta di Gallipoli Cognato estesa per oltre 4.200 ettari, il Bosco di Montepiano formato da imponenti esemplari di cerro, macchia mediterranea con residui nuclei di leccio, rocce di arenaria, che formano i bizzarri profili delle Dolomiti Lucane di Castelmezzano e Pietrapertosa, resti della fortificazione della città lucana edificata tra il VI e il  IV sec. a.C. sulla sommità del Monte Croccia.

Tra gli elementi naturali più significativi le due dorsali di roccia arenacea, delineate diversamente: la più armonica è la montagna del Caperrino (1.400 m); suggestive sono le vette delle Dolomiti Murgiche di Castelmezzano e Pietrapertosa, la cui vetta massima raggiunge i 1.319 m del Monte Impiso.

Cospicua è la presenza dei corsi d’acqua sotto forma di torrenti e sorgenti, di carattere stagionale.

Altro elemento naturale caratterizzante è la Foresta di Gallipoli Cognato, che si mostra come un’ampia macchia verde, costituita da variegate specie arboree e arbustive, con cerri ad alto fusto, che in zone più elevate raggiungono dimensioni enormi.


L’Ente gestore dell’area protetta di Gallipoli Cognato e delle Piccole Dolomiti Lucane è stato istituito con Legge Regionale n. 47 del 1997.
L’area del Parco Naturale Regionale di Gallipoli Cognato e delle Piccole Dolomiti Lucane comprende i territori dei Comuni di Pietrapertosa, Castelmezzano, Accettura, Calciano e Oliveto Lucano, così come compresi nel Piano Territoriale Paesistico di area vasta GalIipoli-Cognato, approvato con Legge Regionale n. 3 del 12 febbraio 1990, e fatta esclusione della porzione di territorio sulla quale ricade la Riserva Antropologica Monte Croccia istituita con D.M. dell’11 settembre 1971 dal Ministero di Agricoltura e Foreste.
 
L’istituzione dei Parco Naturale regionale di Gallipoli Cognato e delle Piccole Dolomiti Lucane finalizza la propria attività al conseguimento dei seguenti obiettivi:
 
a) tutelare e conservare le caratteristiche naturali, ambientali, paesaggistiche, geologiche, geomorfologiche e storico-archeologiche deI territorio del Parco;

b) proteggere le specie animali e vegetali autoctone nell’area naturale, ricostituendo il loro habitat e reintroducendo quelle non più presenti o in via di estinzione;

c) organizzare il territorio per la fruizione a fini culturali, scientifici, didattici, turistici e ricreativi, promuovendo iniziative atte a suscitare interesse e rispetto per gli ambienti naturali;

d) favorire lo sviluppo del turismo rurale e dell’agriturismo, l’escursionismo, nonché le visite didattiche e di svago;

e) promuovere interventi di sviluppo compatibile economico, produttivo e sociale dell’area del Parco con particolare riferimento alle attività agro-silvo-pastorali tradizionali e di agricoltura biologica;

f) salvaguardare e valorizzare le tradizioni e gli aspetti antropologici dell’area, con particolare riferimento agli insediamenti rurali ed ai culti arborei dell’area;

g) salvaguardare e valorizzare i centri storici ed i nuclei rurali, anche attraverso il recupero della cultura della manutenzione anche ai fini della destinazione turistica;

h) sviluppare azioni volte a svolgere una efficace azione di manutenzione del territorio e di recupero delle aree degradate, anche attraverso interventi di sistemazioni idraulico-forestali e con tecniche ecocompatibili ed attraverso la redazione dei piani di assestamento forestale così come previsto dal R.D.L. n. 3267 del 1923.


C.E.A.S. "Dolomiti Lucane"

Località Palazzo snc
75011 Accettura (MT)
Telefono: 347/0957967
E-mail


 
Castelmezzano
Pietrapertosa
Oliveto Lucano
Calciano
Accettura
     
 
 
       
  nuovaatlantide.com
Soc. Coop. Nuova Atlantide  °  Contatti  °  Privacy Credits: basilicatanet.com